Sono proprio biscotti antichi associati ai ricordi inerenti la mia infanzia che hanno deliziato le merende o le colazioni accompagnate da tazze di latte al cacao o all’orzo solubile. Se provo a chiudere  gli occhi avverto ancora quelle lontane sensazioni ancora così presenti, ancora così vivide, quasi tangibili. La fragranza sparsa per casa ed il sorriso di mia madre che mi guidava sino al piatto ovale colmo di biscotti appena sfornati.

Il pensiero mi rende nostalgica, pur tuttavia sorrido riponendo il ricordo come un ninnolo prezioso nel suo scrigno.

Ora vi racconto come preparare i biscotti antichi, ma sicuramente ancora apprezzabili perchè fanno parte di quelle cose semplici che non stancano mai.

Dopo aver setacciato la farina la si dispone sul piano da lavoro formando la classica fontana. Se volete potete usare una terrina per realizzare l’impasto e solo dopo disporlo sul vostro piano da lavoro.
Unite lo zucchero, le uova, l’olio, un pizzico di sale, la vaniglia,  il lievido per i dolci ed il latte poco per volta mischiando tutti gli ingredienti sino a formare un composto morbido. Dividetelo in parti uguali e formate dei cilindri che taglierete a piccoli pezzi, dai quali formerete delle palline da sistemare sulla teglia da forno ricoperta dalla carta forno. Spolverizzate con zucchero semolato e cuocete in forno caldo a 170 gradi per circa dieci minuti.

Dopo la cottura attendete che si raffreddino prima di riporli nella vostra scatola di latta, e se ne siete sprovviste usate pure i sacchetti per alimenti in uso per il congelatore.

 

 

Ingredienti:

 

300 g di farina 00
150 g di zucchero
due uova
l’equivalente di una tazzina da caffè colma di olio di semi
circa mezzo bicchiere di latte
mezza bustina di lievito da dolci
un pizzico di sale
una bustina di vaniglia

Tag:


I commenti sono chiusi